Bioimpedenziometria

La Bioimpedenziometria è un esame di diagnostica strumentale che permette di valutare alcuni valori fondamentali della composizione corporea e si rivela dunque di grande utilità in relazione alla consulenza dietistica e alla definizione di un’eventuale dieta per avviare un percorso di dimagrimento graduale e controllato.

L’esame, semplice, per nulla invasivo e del tutto indolore, si svolge grazie alla misurazione dell’impedenza del corpo ossia, grossomodo, la sua resistenza differenziata (a seconda che si tratti massa grassa, magra ecc.) al passaggio di una corrente elettrica a bassa potenza e ad alta frequenza, rilevata alle estremità attraverso elettrodi. Questa metodica permette un’analisi piuttosto precisa (con un errore che si attesta intorno al 4%) dei principali parametri corporei, in particolare di massa grassa, massa magra, acqua corporea, metabolismo basale.

La Bioimpendenziometria si svolge in seguito alla prima consulenza dietistica e, di norma, si ripete a 6 mesi di distanza dall’inizio di un trattamento teso al dimagrimento, valutando la necessità di ricorrere all’esame rispetto alle singole necessità e condizioni del paziente.

Preparazione / Informazioni utili

Per sottoporsi alla Bioimpedenziometria è necessario essere a digiuno perlomeno da 3 ore e, preferibilmente, l’esame va svolto al mattino, 3 ore dopo il risveglio. È anche opportuno evitare attività fisica intensa prima dell’esame e mantenere una corretta idratazione, affinché i valori rilevati non risultino compromessi. È utile portare in visione al medico specialista i referti di bioimpedenziometrie svolte in precedenza.